BULGARIA, LA FESTA DELLA ROSA DI KARLOVO

La foresta pietrificata

La foresta pietrificata

12 giorni 11 notti

Festa della rosa, tradizione e folklore a Karlovo

Festa della rosa, tradizione e folklore a Karlovo

12 giorni 11 notti

Chiesa di Alexander Nevski, Sofia

Chiesa di Alexander Nevski, Sofia

12 giorni 11 notti

 

BULGARIA, LA FESTA DELLA ROSA DI KARLOVO - CODICE ITINERARIO: AR3BGS003

12 giorni 11 notti

Guida locale di lingua italiana e Accompagnatore dall’Italia a partire da 8 partecipanti

Numero massimo di partecipanti 14

Partenze garantite minimo 2 partecipanti, anche in date diverse da quelle pubblicate

 

 

1° giorno / Italia – Sofia

Partenza dall’Italia per Sofia. Il volo può essere diretto o con scalo. Arrivo nel pomeriggio o presto in serata, incontro con la guida, cena tipica e trasferimento in hotel per il pernottamento.

 

2° giorno / Sofia – Belogradchik (circa 180 km)

Prima colazione e mattinata dedicata a Sofia. Visita del Museo Archeologico Nazionale, sito nell’ex moschea, ricco di testimonianze del periodo neolitico, calcolitico e trace, ove si potrà ammirare il tesoro di Valchitran. Si prosegue per Bojana (Patrimonio Unesco), famosa per un ciclo di preziosi affreschi datati alcuni decenni prima dell’inizio del Rinascimento in Italia. La chiesa sorge in posizione panoramica, sovrastante la città, sulle pendici dell’altro simbolo di Sofia, il monte Vitosha, antico vulcano spento da milioni di anni. Subito dopo andremo a visitare il Museo di Storia Nazionale, che dista poche centinaia di metri, dove potremo avere una panoramica dei territori bulgari a partire dalla preistoria con in evidenza i tesori ritrovati sul territorio bulgaro, tra i quali spicca il tesoro di Rogozen. Dopo il pranzo in una “mehana”, trattoria tipica bulgara, partiremo verso nord per Belogradchik. Cena e pernottamento in hotel.

 

3° giorno / Belogradchik – Koprivstiza (circa 250 km)

 Prima colazione in hotel, e visita delle famose rocce di Belogradchik che costituiscono un fenomeno unico, fra i più spettacolari del Paese, inserite fra le 20 maggiori meraviglie naturali al mondo. Si tratta di sedimenti di arenaria rossa e presentano variazioni di colore che vanno dalle tonalità del giallo al rosso al grigio. Hanno delle forme talmente particolari che secondo la fantasia popolare sono state identificate con personaggi e animali. Tra le rocce si distinguono quattro diversi gruppi: Falkov-Borovitz, Lipenitza, Zbegovska e Belogradchick. Le vedute mozzafiato di questa zona, fatte di cime, dirupi, prati e ruscelli e sullo sfondo i Monti Balcani, vi resteranno nel cuore. Successiva visita degli affreschi preistorici della grotta di Magura, la più vasta della Bulgaria e con ambienti stupefacenti per la loro vastità. Sorprendenti le pitture rupestri di XIII-IX sec. a.C. che raffigurano uomini, animali, scene di caccia e danze rituali. Pranzo lungo strada e proseguimento per Koprivstiza, elegante città-museo dall’illustre passato rivoluzionario, dove fanno bella mostra di sé numerose case museo e dove è vietata la circolazione degli autoveicoli. Visita della cittadina ed al termine sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.

 

4° giorno / Koprivstiza – Starosel – Etara – Tryavna – Veliko Tarnovo (circa 220 km)

 Prima colazione in hotel. Partenza per Starosel, interessante sito archeologico trace, magicamente incastonato fra le prime propaggini della catena Sredna Gorà, zona di pregiati vini. Si prosegue per Gabrovo, scavalcando il passo di Shipka a 1.300 metri, che ci proietterà nella storia della rivoluzione bulgara, luogo di cruente battaglie, dove un monumento ricorda le lotte dei patrioti per la liberazione dal giogo ottomano. A Gabrovo visiteremo il quartiere di Etara, villaggio museo, massima espressione etnografica del paese. Dopo pranzo si parte per la pittoresca cittadina di Tryavna, famosa dal XVII secolo per la scuola di pittura specializzata per le icone. Qui si visiterà la chiesa di Sant’Arcangelo e Michele, la Torre dell’orologio, la piazza di Diado Nikola (Nonno Nicola), le case museo di Slaveikov e Daskalov. Nel tardo pomeriggio arrivo a Veliko Tarnovo, la ex capitale bulgara. Veliko Tarnovo è forse la più affascinante delle città bulgare; si estende su tre colline ed è ricca di richiami architettonici dei periodi di splendore vissuti nel passato. Qui si trova anche l’incantevole monastero Preobrajenski. Sistemazione in hotel. Cena in albergo e pernottamento.

 

5° giorno / Veliko Tarnovo – Arbanassi – Ivanovo – Ruse (circa 130 km)

Al mattino dopo la visita della ex capitale, ci si reca a qualche chilometro di distanza per ammirare Arbanassi, fiabesco villaggio fondato nel XV secolo da albanesi in fuga dai turchi, che si affaccia su Veliko Tarnovo. A seguire visiteremo l’incantevole monastero Preobrajenski, quindi procederemo verso nord lungo il fiume Rusenski Lom, sino a giungere ad Ivanovo, sito Patrimonio Unesco, dove ci attendono in una valle remota e impervia una serie di chiesette rupestri scavate nella roccia dove i monaci dediti all’esicasmo vivevano una vita ascetica circa un migliaio di anni fa. Procedendo ancora verso nord arriveremo a Ruse, fra le più importanti città della Bulgaria e principale porto danubiano di fronte alla sponda della Romania, chiamata anche la Vienna dei Balcani, per l’architettura dei suoi palazzi costruiti in stile neoclassico a partire dalla fine dell’ottocento. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

6° giorno / Ruse – Sveshtari – Madara – Varna – Nessebar (circa 350 km)

Lasciamo Ruse e la valle danubiana e, dopo aver attraversato il Lubogorsko Plateau, giungiamo a un importantissimo sito Unesco, posto a protezione delle magnifiche tombe trace di Sveshtari, presso la cittadina industriale di Hisperih. Proseguiamo per Madara, dove potremo ammirare il sito Unesco di Madarsky Koniki (Il Cavaliere di Madara) e poi per la “foresta pietrificata” di Pobiti Kamani. Pranzo. Giungiamo quindi a Varna, terza città della Bulgaria e importantissimo scalo marittimo sul Mar Nero. Visita dell’importantissimo museo Archeologico dove ammireremo il più antico tesoro della storia dell’umanità, L’oro di Varna, vecchio di oltre 7000 anni. Partenza per Nessebar, costeggiando il mar Nero. La città di Nessebar è Patrimonio Unesco: si tratta dell’antica Mesembria, sorta su un’isoletta ora unita alla terraferma da un istmo, dove si possono individuare vestigia greche, romane, bizantine, turche, senza dimenticare la tipica architettura della antica Rumelia. Gradevole il litorale, nonostante la deturpazione perpetrata negli ultimi anni con la costruzione disordinata di numerosi alberghi. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

7° giorno / Nessebar – Kazanlak – Karlovo (circa 270 km)

Al mattino partenza per Karlovo, la cittadina dove avrà luogo la festa, facendo lungo strada una sosta per una breve visita di Kazanlak, capitale della mitica Rosovata Dolina (Valle delle Rose), famosa in tutto il mondo per la produzione di rose usate per l’estrazione dell’essenza, base per l’industria profumiera di alto livello. Qui visiteremo il Museo Civico e la zona archeologica con la tomba di Kazanlak (Patrimonio Unesco), una delle più ricche testimonianze della civiltà tracia (si visiterà la copia perfetta della tomba, voluta dall’Unesco proprio per tutelare l’originale, non visitabile). Nel tardo pomeriggio arrivo ad a Karlovo. La cittadina sarà in fermento per l’evento del giorno successivo, la Festa della Rosa. Cena e pernottamento a Karlovo o nel vicino villaggio di Hisarija.

 

8° giorno / Karlovo (FESTA DELLA ROSA)

Intera giornata dedicata ai festeggiamenti per la Festa della Rosa. Subito dopo colazione comincerà il rituale della raccolta delle rose, seguito da concerti, sfilate in costumi tipici e infine si assisterà a un interessante spettacolo folkloristico. Pasti inclusi. Pernottamento in hotel. NB: abbiamo deciso di celebrare la festa nella cittadina di Karlovo invece che nella più nota Kazanlak, in quanto quest’ultima durante il festival si affolla di turisti mentre a Karlovo l’atmosfera negli anni è rimasta più autentica. Facciamo presente che in base al momento di prenotazione del gruppo sapremo se questi due pernottamenti avverranno a Karlovo o nella vicina Hisaria, partecipando in ogni modo ai festeggiamenti a Karlovo.

 

9° giorno / Karlovo – Perperikon – Bachkovo – Plovdiv (circa 290 km)

Al mattino partiamo per Perperikon, uno dei più importanti e antichi siti bulgari, con una storia che parte dal V-VI millennio a.C. Qui storia e legenda si fondono nel mito di Dionisio e in quello opposto di Orfeo ed è proprio in questo luogo che gli archeologi pensano di aver individuato il Tempio di Orfeo. Continuiamo il percorso attraversando Assenovgrad, città del vino e delle spose. Visita del monastero di Bachkovo, situato nella suggestiva gola del fiume Chepelare, considerato il secondo della Bulgaria per importanza. Meta finale della giornata sarà Plovdiv, l’antica Filippopoli, capitale della cultura Europea 2019 (in contemporanea con la nostra Matera) città fondata da Filippo il Macedone, padre di Alessandro Magno, seconda città più importante della Bulgaria, Plovdiv è posta su diversi colli, da cui il nome datole dai romani Trimontium. Dopo la cena sarà piacevole passeggiare per Plovdiv. Pernottamento in hotel.

 

10° giorno / Plovdiv – Pazardzhik – Abramovo – Dobarsko (circa km 160)

 Al mattino visita di Plovdiv. Si potranno ammirare le numerose vestigia di epoca romana: il Foro, l’anfiteatro, il decumano e anche la moschea, nonché il suggestivo quartiere “Stariat Grad”, con la splendida chiesa dedicata ai santi Costantino ed Elena. Partenza per Pazardzhik dove, nella chiesa della “Dormizione della Vergine”, potremo ammirare quella che viene considerata la più bella iconostasi della Bulgaria, opera della scuola di Debar. Dopo il pranzo si parte alla volta della stazione ferroviaria di Abramovo, la più alta dei Balcani (mt 1270) e fra le più alte di Europa, dove si prenderà il treno per percorrere un suggestivo tratto ferroviario di alta montagna; il percorso ci permetterà di contemplare lo splendido paesaggio della valle del fiume Ablaniza, che divide il massiccio di Rila dalla catena dei Rodopi. Nel tardo pomeriggio arrivo nel piccolo villaggio di Dobarsko dove ci attende una vera chicca: la chiesa di San Teodoro. Cena e pernottamento in hotel.

 

11° giorno / Dobarsko – Melnik – Rojen – Rila – Sofia (circa Km 280)

 Partenza al mattino verso la valle dello Struma, il mitologico Strimon greco, e poi nella suggestiva gola di Kresna (Kresnenska Klisura). Dopo aver superato Sandansky, città termale e luogo natio del leggendario gladiatore Spartacus, si arriva a Melnik, a pochi chilometri dal confine greco. Con i suoi 300 abitanti è la più piccola città bulgara, famosa per i suoi vini, le sue falesie e il pittoresco ambiente urbano. Pranzo nella vicina Rojen e visita dell’omonimo interessantissimo monastero. Nel pomeriggio si giunge nel famosissimo Monastero di Rila che, oltre ad essere Patrimonio Unesco, è uno dei più importanti monumenti dei Balcani. È situato a circa 1200 metri di altezza nel cuore della omonima catena montuosa ove svetta il monte Mussalà che, con i suoi 2925 metri, è il più alto della Bulgaria e dei Balcani. Si riparte per Sofia dove si arriverà dopo aver superato il passo di Vladaia, che separa le due montagne di Sofia Ljulin e Vitosha, attraversando fitti boschi. Arrivo in serata per gustare una cena tipica. Pernottamento in hotel.

 

12° giorno / Sofia – Partenza

Al mattino visita della collina “sacra” di Sofia con le chiese di Alexandar Nevsky, simbolo della città, e Sveta Sofia che testimonia la transizione dell’architettura tra oriente e occidente. Successivamente si ritorna in centro per ammirare l’austero Palazzo Presidenziale dove potremo assistere al suggestivo cambio della guardia. Si continua la visita dell’interessante centro di Sofia con le sue costruzioni civili quali ad esempio il mercato coperto di Halite e le Terme municipali; importanti luoghi di culto quali la chiesa di San Giorgio Sveta Petka, la moschea “Banja Basi Dzamija”; le aree archeologiche con resti romani, testimonianza dell’importanza dell’antica Serdica. Pranzo e in base all’orario dei voli, trasferimento in aeroporto per la partenza per l’Italia con volo diretto o via scalo europeo.

 

 

LE QUOTE INCLUDONO:

voli di linea in classe economica, accoglienza e trasferimenti aeroporto/hotel e viceversa, i trasporti con minibus privato, i pernottamenti negli hotel indicati o di pari categoria, trattamento di pensione completa, ingressi ai siti e ai musei, guida locale parlante italiano, accompagnatore italiano a partire da 8 passeggeri, assicurazione come specificato, le mance nei ristoranti ed il facchinaggio, dossier culturale sul paese o guida, omaggio da viaggio.

 

LE QUOTE NON INCLUDONO:

 le bevande fuori dai pasti e le bevande alcoliche, le mance, le spese personali e gli extra e quant’altro non espressamente indicato.

 

 

 

N.B.  Il viaggio suddetto è a titolo di puro esempio. Dà un’idea di prezzi, località, attrazioni ed esperienze tipici della destinazione, che possono essere inclusi in tutto o in parte nella programmazione dei vari Tour Operator.Potrebbe essere effettuato solo in alcuni periodi dell’anno, in funzione di stagionalità climatiche e situazione socio-politica della destinazione

 


Prezzo indicativo a partire da 2.260 € A PERSONA
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK